Blog & News

Maridadi 081

Intarsi Swahili e Zidaka

0

Tra gli elementi architettonici che incuriosiscono maggiormente chi visita la costa del Kenya per la prima volta, possiamo di certo inserire quello che impropriamente potremmo chiamare stucchi e i pannelli decorativi a parete con nicchie “zidaka”. Questi elementi si trovano principalmente nelle antiche case Swahili di Lamu e raramente anche nelle costruzioni di Malindi, Watamu e Kilifi.

Spesso i clienti del Lonno Lodge ci chiedono informazioni circa il tipo di stampo usato per creare queste decorazioni, in realtà nessun attrezzo del genere è previsto , ma solo un piccolo pezzo di legno con cui si tracciano le linee di costruzione e una piccola cazzuola di ferro con cui si intaglia la malta e naturalmente una grande capacità artigianale.

Il segreto sta nell’intonaco, applicato in più strati in giorni successivi, e intagliato di volta in volta quando è ancora sufficientemente plastico. L’intonaco è una miscela di sabbia finissima e calce. Al Lonno Lodge abbiamo aggiunto anche polvere di corallo, per avvicinarci il più possibile alla tradizione che prevedeva tra l’altro l’uso di conchiglie macinate per aumentarne la durezza.

Alle “zidaka” erano associati anche alcuni rituali come ad esempio il matrimonio. Quando il giorno del matrimonio si avvicinava , iniziava la lavorazione a intaglio degli stucchi, conosciuto in lingua swahili come la “fola la Wazo” o “fola la kuwaza “, la festa dello stucco.

Queste nicchie erano utilizzate per esporre le ceramiche cinesi ed europee le lampade a petrolio arabe o i diffusori di essenze.

Leave a Reply